martedì 8 marzo 2011

"Mimosa pudìca"

Si chiama "mimosa pudìca" o più comunemente "mimosa sensitiva" ed è una piantina originaria dell'America meridionale ma diffusa in gran parte del globo, soprattutto nelle aree tropicali.
Si caratterizza per le foglioline lunghe e appiattite di forma ovale, delicate come quelle delle felci, e per i fiori tondeggianti di color lilla che si aprono a primavera inoltrata.

Deve il suo nome alla particolarità che la contraddistingue: durante le ore notturne, o in caso di contatto, il fogliame si chiude ripiegandosi su se stesso.


No, non mi sono improvvisata esperta di botanica, ma conosco bene questa piantina che ogni tanto mi portavano a scuola i miei alunni di Istituto agrario.

Me la mettevano sulla cattedra:


"Prof, guardi! Provi a toccarla!"


Io allungavo un dito e in effetti la piantina richiudeva le foglie con dolce ritrosìa.
Era un movimento delicatissimo che mi faceva pensare per analogia alla posa delle Madonne di alcune celebri Annunciazioni - di Simone Martini o dell'Angelico, per esempio - dove sorpresa, sgomento e timidezza adolescenziale di Maria si fondono in quell'istintivo ritrarsi segnato dalla curva del suo corpo.

Mi è tornato in mente tutto ciò oggi che è la festa della donna.
Così, insieme alla solarità del giallo di quelle tradizionali, dedico questa varietà di mimosa forse meno appariscente e più umbratile a tutte le donne del mondo: giovani e meno giovani, adulte o bambine,
a coloro che abitano con noi o solo nel nostro ricordo.

A tutte, un fiore e una musica,
un brano di Chopin tra i più delicati che il compositore abbia mai scritto : il "Notturno n.20 in do diesis minore", pezzo tra l'altro reso famoso dal film "Il pianista".
Lo esegue la giovanissima Aimi Kobayashi.


Buon ascolto!

6 commenti:

Stella ha detto...

Grazie Annamaria.
Buona giornata!

Annamaria ha detto...

Grazie a te Stella!
:-)))

Caterina ha detto...

Grazie cara per la musica dono e per questi dolci ricordi. Un volta ho ricevuto anch'io una piccola mimosa simile da mia figlia. Purtroppo non sopportava il nostro clima malgrado le mie coccole.
Un caro saluto e baci

Annamaria ha detto...

Grazie Caterina di essere passata di qui anche oggi, a condividere piccole e grandi cose.
Buona serata!

Ambra dB ha detto...

Commovente la tua descrizione e il tuo racconto su questa "mimosa pudica".

Annamaria ha detto...

Ciao Ambra!
Sono contenta che ti piaccia. E' un piccolo rasserenante ricordo che mi porto dentro!
A presto!